Ottogalli, Investimenti nonostante la pandemia

Ottogalli è specializzata nella produzione di macchine a iniezione per il settore calzaturiero e per quello degli articoli tecnici.

“È stato un periodo molto proficuo per Ottogalli”, esordisce Luca Bertin, sales manager dell’azienda veneta specializzata nella produzione di macchine a iniezione per il settore calzaturiero e per quello degli articoli tecnici. “Nonostante la pandemia, la raccolta ordini fino a febbraio 2020 a seguito delle fiere in sud America e in Italia, e lo sviluppo di nuovi mercati e nuove tecnologie in ambito sia calzaturiero sia tecnico ci hanno permesso di arrivare a fine anno con un incremento del fatturato del 30%”.
Azienda sempre all’avanguardia con una visione lungimirante, Ottogalli ha fortemente investito nei mercati latino americani con l’apertura di due nuove sedi in Colombia e in Messico, dotate di uffici commerciali e assistenza tecnica, dove ha collocato personale commerciale italiano e assunto tecnici locali. “Oggi possiamo vantare due nuove forti strutture satellite (oltre a quelle già esistenti in Perù) che ci permetteranno di valorizzare ulteriormente il nostro glorioso marchio”, prosegue Luca Bertin.
Nel mirino anche l’upgrading dei macchinari: “Lo sviluppo tecnologico in ambito tecnico ci ha permesso di aggredire il mercato dell’automotive”. L’innovazione ha raggiunto la sua maggiore espressione nelle macchine per il calzaturiero, dove Ottogalli ha introdotto pompe idrauliche immerse, motori servo assistiti, collegamenti Wi-Fi con Industria 4.0 e una diminuzione del consumo energetico pari al 60%.
www.ottogalli.it

Luca Bertin